Porto di Genova-mappe, cartine,servizi - Mare Mediterraneo - Mediterranean Sea - mare Adriatico -  Crociere - navi da crociera,traghetti, Vacanze, hotel, alberghi, villagi vacanze, appartamenti, bed & brekfast, ville,
HOME PORTI SICILIA VELA NEWS CHARTERER/NOLEGGIO MEDSEA CHART/ ARCIPELAGHI WORLDWIDE PORTS CROCIERE

DESCRIZIONE
Il Porto di Genova si estende ininterrottamente per 20 chilometri lungo una fascia costiera, sono operativi 13 terminal per l'approdo di navi .La superficie occupata dall'insieme delle infrastrutture portuali è pari a circa sette milioni di metri quadrati. Le opere marittime assommano a circa 47.000 mt di cui 30.000 di banchine altamente operative ed in grado di ospitare oltre 200 navi di tipo diverso. I fondali variano da 9 a 15 mt con una punta di 50 mt per le super-petroliere. La realizzazione del nuovo porto di Voltri ha consentito la disponibilità del più moderno terminal contenitori dell'intero bacino del Mediterraneo. Una vasta area di 425.000 mq è asservita esclusivamente alle riparazioni navali. Tale area si sviluppa sui centri di Calata Gadda, Calata Giano, Calata Grazie. L'intero sistema orbita su 2.710 mt. di banchine con accosti di lato e di punta.

Condividi    Mappa del porto    Posizione navi   Coordinate :Lat 44° 25' N - Long 8° 56' EPorto di Genova - Mar Ligure - Liguria
Hotel Genova
Hotel Liguria

Maltempo, traghetti fermi
25 dic - Due voli dirottati, uno cancellato, traghetti per la Sardegna fermi a causa del mare forza 9 e di un vento che soffia a raffiche fino a 100 km/h. Chiuso anche il terminal portuale di Voltri. Si sta intensificando il maltempo su Genova così come previsto dall'Arpal. Decine gli interventi di vigili del fuoco in Valbisagno e Valpolcevera per alberi e grondaie caduti. Su tutti i rami autostradali del nodo di Genova è interdetto il traffico a furgoni e caravan per il vento.

Merlo : servono regole doganali comuni
6 dic - Per il Presidente Luigi Merlo "Serve un'azione del governo per imporre in sede comunitaria regole comuni nei controlli per evitare un danno sia per il sistema alimentare che per la portualità. Il sistema portuale italiano è molto diligente nel controllo della qualità e della certificazione dei prodotti, mentre nel Nord Europa il controllo delle merci è più superficiale. Non ci si preoccupa della qualità sia dal punto di vista della contraffazione che dell'attenzione alla salute e questo è diventato un problema non più accettabile". Secondo il presidente della Port Authority di Genova "servono regole doganali comuni e l'impegno del governo affinché le procedure adottate in Italia siano estese agli altri Paesi per evitare che i traffici possano dirigersi verso gli scali che hanno controlli meno ferrei". Merlo propone, in vista dell'Expo 2015, "di realizzare una certificazione dei prodotti alimentari in entrata e una ulteriore per l'export. La grande crescita dei traffici portuali è legata all'esportazione del Made in Italy, dalla moda al design ma, sopratutto all'alimentare. Garantire all'esportazione una certificazione di alto profilo e verificare all'importazione la merce che entra può diventare una procedura che potremmo rappresentare a Expo 2015 nell'ambito del tema della qualità, della sostenibilità alimentare e della certificazione dei prodotti italiani".

Genova, varata nave Margottini, unità classe Bergamini

29 giu - All'interno dello stabilimento Fincantieri di Riva Trigoso è stata varata oggi nave Margottini, che segue le prime due Unità della stessa classe, Bergamini e Fasan, quali nuove e modernissime Fregate Europee Multi Missione (FREMM). Madrina del varo è stata la signora Stefania Portaccio, nipote della medaglia d’oro al Valor Militare CV Carlo Margottini, comandante della XI squadriglia cacciatorpediniere, perito sotto i colpi inglesi nell’affondamento di nave Artigliere il 12 ottobre 1940.continua

Autorità portuale presenta il piano regolatore
5 giu - "Prioritaria la realizzazione della nuova diga foranea". Lo ha annunciato il presidente dell'Autorita' Portuale di Genova Luigi Merlo nel suo intervento al Logistic Transport di Monaco di Baviera, in cui ha presentato al mercato tedesco le linee guida del piano che da oggi al 2030 cambierà il volto del porto di Genova e che in in 15 anni porterà la capacità dello scalo ad oltre 5 milioni di teu. "I grandi porti europei si stanno adeguando ai nuovi standard imposti dalla crescita del naviglio commerciale. Perchè il porto di Genova possa continuare ad essere competitivo - ha spiegato Merlo - deve adeguare le proprie infrastrutture". La nuova diga , secondo il Piano, sarà realizzata a circa 500 metri al largo rispetto a quella attuale e ad una profondita' di circa 40 metri. La realizzazione dell'opera costerà circa un miliardo di euro e potrebbe essere completata in cinque anni. Secondo il progetto la nuova diga consentirà di accogliere le navi portacontainer fino a 22000 teu, il futuro prossimo per l'evoluzione del naviglio mondiale. Un concetto che va in controtendenza con gli studi mondiali sui trasporti marittimi che vede il comparto container in flessione. Le linee guida del nuovo piano regolatore prevedono inoltre un'imponente infrastruttura per lo sviluppo del porto commerciale di Sampiardarena e l'adeguamento delle infrastrutture portuali di Voltri, ma anche l'utilizzo di energie alternative e lo sviluppo dell'infrastruttura tecnologica a sostegno del traffico portuale. Le linee guida del piano regolatore portuale saranno presentate presto per l'approvazione del Comitato Portuale, entro il mese di luglio, per poi avviare un confronto con le realta' locali.






E-Mail contact harbours@harbours.net
Web Services by © 2004/2013 Internet Network Solutions - Italy/UE - All Rights Reserved
E' vietato l'utilizzo delle immagini pubblicate su questo sito senza il permesso scritto dell'editore.